Chi siamo

Siamo una comunità educativa

per la promozione delle persone in condizione di disabilità e di disagio psichico.
Il nostro impegno educativo, nel campo della disabilità, ha la sua ragione più profonda in una chiamata di Dio, che ci rende partecipi, in gradi diversi, del carisma di Don Guanella e ci chiede di continuare l’opera in favore delle persone in difficoltà o in condizione di disabilità e disagio psichico mentale.
Pertanto, il nostro servizio educativo, riabilitativo e assistenziale è via di evangelizzazione e costituisce il nostro contributo specifico alla missione della Chiesa nella comunità locale.

Con uno specifico sistema di vita e di educazione

Don Guanella visse con i poveri, mostrando attenzione particolare alle persone emarginate, li servì e li educò con un suo proprio stile, e attinse soprattutto dalla percezione evangelica di Dio Padre provvidente e dalla sua esperienza umana.
Nel compiere la nostra missione caritativa ed educativa, vogliamo seguire le orme di Don Luigi Guanella ed incarnare nell’oggi il suo sistema preventivo di educazione.
Sistema che egli ci presenta con queste espressioni cariche di significato e di forza profetica: “è quel metodo di carità, di uso, di convenienza, mercè il quale i superiori circondano con affetto paterno i propri dipendenti ed i fratelli attorniano di sollecitudine i propri fratelli, perché nei lavori della giornata a nessuno incolga male di sorta e nel cammino della vita tutti approdino a meta felice”.

La comunità religiosa

La Comunità Religiosa della Casa di Gino fa parte della Congregazione dei “Servi della Carità” – Opera don Guanella.

La sua presenza nella Casa di Gino ha inizio il 4 settembre 1946, quando, dalla Casa Divina Provvidenza in Como, salgono a Lora i primi religiosi con alcuni ragazzi, dando così inizio all’attività dell’allora colonia agricola, denominata “Casa di Gino”.

La Comunità religiosa è attualmente composta da 6 Confratelli: don Remigio Oprandi, con il ruolo di Superiore-direttore-economo; don Antonio Ostinelli, con il ruolo di primo Consigliere e Cappellano delle nostre Suore (FSMP) nella loro Casa di Lora; don Antony Roosewelt Stephen, collaboratore nell’attività educativa e Cappellano delle nostre Suore (FSMP) in Lipomo; don Giuseppe Gallli, collaboratore nell’attività catechetica e cappellano delle nostre suore (FSMP) ad Albese con Cassano; ch. Bonaventure Onwkwe, il quale in questo anno 2013-2014 fa il suo Tirocinio di formazione presso la nostra struttura.

Ci riteniamo uomini di tutti i giorni, consapevoli di essere amati da Gesù Cristo che ci ha raccolti dalla ferialità delle nostre vite molto diversificate per età e formazione e si è preso cura di noi chiamandoci a seguirlo nell’unico progetto guanelliano di vita, unendo le nostre forze di uomini obbedienti, poveri e casti. Questa stessa cura noi, oggi, vogliamo riproporre a piene mani, donando a tutti ‘Pane e Paradiso’ seguendo l’invito del nostro Padre Fondatore e consapevoli che l’azione dello Spirito Santo ci rinnova di età in età, per non lasciarci invecchiare di fronte alla giovinezza del mondo.

La Comunità religiosa è inserita nella Comunità degli Ospiti e degli Operatori con il ruolo di garante del carisma di San Luigi Guanella, come “Nucleo animatore” per rendere vivo ed attuale nella Casa di Gino il Progetto Educativo Guanelliano (PEG), fonte ed ispiratore del nostro Progetto Educativo Locale. 

Pertanto, il suo compito specifico è:

  1. Testimoniare e garantire lo spirito guanelliano con una presenza significativa in mezzo ai nostri “Ragazzi”;
  2. Animare la fede e la vita spirituale della comunità educativa-pastorale;
  3. Garantire una gestione secondo il carisma e lo stile guanelliano;
  4. Favorire l’unità e un ambiente di comunione;
  5. Formare al carisma, alla missione e allo stile guanelliano di servizio;
  6. Assicurare una presenza significativa nel territorio e nella Chiesa locale da parte della Comunità guanelliana, che, a motivo della sua natura apostolica, testimoniare il primato di Dio e la dedizione totale alla missione evangelizzatrice di carità.

I Buoni Figli

Come diceva don Guanella “sono i ‘buoni figli’, quei “ragazzi o adulti che hanno impedite le facoltà intellettuali e che, il più delle volte sono capaci di qualche miglioramento”.
La Casa di Gino ospita persone con disabilità intellettiva dai 18 ai 65 anni che hanno, in diverso modo, difficoltà ad affrontare la quotidianità. Alcuni di loro non hanno famiglia, per altri la famiglia non può o non riesce a provvedere. Qui possono trovare un ambiente accogliente e confortevole, dove lo stile dei rapporti interpersonali si avvicina il più possibile a quello di una famiglia.

L'organizzazione

IL DIRETTORE


è il garante dell’indirizzo Guanelliano dell’attività della Casa e stimola gli operatori a tradurlo nella quotidianità.
E’ responsabile legale della Casa e dirige la medesima, rendendo conto della gestione agli organi costituiti dell’Opera Don Guanella.

IL COORDINATORE GENERALE


Coordina l’attività delle Comunità seguendo le indicazioni ricevute dalla Direzione; garantisce un efficace passaggio della comunicazione tra i diversi servizi e svolge le funzioni previste dal proprio incarico.

IL COORDINATORE DELLE ATTIVITA’ OCCUPAZIONALI


Segue gli inserimenti lavorativi esterni e coordina le attività occupazionali interne alla struttura quali: Allevamenti, Serre, Negozio, Lavanderia, Pulizie comunità socio sanitarie, falegnameria, laboratorio fotografia, Attività sportive e Centro Diurno Disabili.

IL COORDINATORE RESIDENZIALE

Coordina le attività delle comunità socio sanitarie e della comunità alloggio

L’ANIMATORE DELLA VITA DI FEDE


Cura e guida gli aspetti che riguardano la vita di fede delle persone ospiti della Casa.